Fmi, Italia in recessione nel 2012 e 2013

Il Fondo Monetario Internazionale taglia le proprie stime sull’economia globale e su quella italiana: per il nostro paese si prevede un calo del Pil pari al 2,2% quest’anno e allo 0,6% il prossimo.

Si prevedono due anni estremamente duri per l’economia italiana: il Fondo Monetario Internazionale stima infatti che il nostro paese sarà ufficialmente in recessione nel 2012 e 2013.

L’organismo ha appena rilasciato aggiornamenti al proprio World Economic Outlook, aggiornamenti che tagliano le stime di molti paesi mondiali e in particolare vedono nero per quanto riguarda la zona euro.

Per quanto riguarda l’Italia, il prodotto interno lordo vedrà un calo del 2,2% quest’anno e dello 0,6% il prossimo: ciò significa che il Fmi ha proceduto ad un taglio rispettivamente di 2,5 e 1,1 punti percentuali rispetto alle ultime stime rilasciate nel mese di settembre.

La crescita a livello globale sarà solo del 3,3% nel 2012 e del 4% nel 2013. Una ripresa mondiale che, afferma l’istituto, “è minacciata dalle crescenti tensioni nell’area dell’euro”, dove agiscono attualmente diversi fattori come il rialzo dei rendimenti dei titoli di stato, la diminuzione del credito bancario all’economia reale e le nuove misure di consolidamento fiscale.

Per la zona della moneta unica le previsioni parlano di un calo del Pil pari allo 0,5% quest’anno e una lieve ripresa (+0,8%) l’anno prossimo.