MUTINA per la prima volta al Salone del Mobile di Milano

La 52° edizione del Salone di Milano vedrà Mutina tra i suoi protagonisti. La scelta della principale manifestazione feristica del mondo nel settore è la conferma della propria vocazione al design. Mutina infatti non è una ceramica tradizionale, mette il proprio know how costruito attraverso anni di continua ricerca a disposizione delle più grandi frme del design contemporaneo.

Il risultato è la creazione di collezioni inedite che si caratterizzano per i propri valori estetici, tecnologici ed eco sostenibili. Lo stand è stato disegnato appositamente da Patricia Urquiola ed è l’espressione della corporate identity Mutina da lei rinnovata. E’ il suo quarto progetto dedicato agli spazi espositivi Mutina – ICFF 2011, New York (International and Contemporary Furniture Fair) Cersaie 2011, IDS 2012, Toronto (Interior Design Show), i primi tre hanno vinto il premio per il miglior allestimento. E’ qui che verrà presentata in esclusiva la sua nuova collezione insieme a quella frmata Raw Edges.

“Il rapporto ormai collaudato con i nostri designer ci ha consentito di creare un gruppo di lavoro consolidato – afferma Massimo Orsini, Presidente di Mutina Ceramiche – in cui la condivisione di sfde e successi è totale. Il loro sostegno è fondamentale nei momenti importanti per la nostra azienda. Saranno infatti tutti presenti nel nostro spazio sia con l’esposizione delle proprie collezioni che personalmente, mercoledì 18 aprile, per partecipare al lancio dei nuovi prodotti. TEX è il secondo progetto dei Raw Eges frmato Mutina. Una ricca e multicolore collezione di piastrelle in ceramica ispirata alla consistenza del tessuto. Prendere in prestito dal tessile una trama già esistente e trasformarla in una nuova texture è stato il punto di partenza. La forma della piastrella è un rombo: ingrandimento semplifcato del punto a maglia fondamentale, che perfettamente simmetrico ed allineato dà origine al tessuto. La collezione si compone di dieci colori, per ciascuno esistono tre tonalità la cui mescolanza è stata ispirata dal motivo dei tessuti, riproponendo la consistenza delle diverse sfumature del flato. Al momento dell’assemblaggio del prodotto fnale le tre tonalità vengono posizionate a caso nella confezione.

Grazie a questo, al momento dell’installazione ne verrà fatta una disposizione casuale. Le piastrelle romboidali possono essere combinate in tre schemi di posa principali, ognuno ha un impatto differente. In aggiunta alle singole pose verranno confezionati su rete altri motivi che consentiranno la creazione di elementi grafci sia a pavimento che a rivestimento. La produzione di TEX è interamente artigianale, grazie a questo Mutina propone una molteplicità di texture, colori e smalti adatti ad ogni tipo di personalizzazione. Patricia Urquiola frma per Mutina il suo quarto progetto, AZULEJ Questa nuova collezione di ceramiche riprende la memoria delle antiche maioliche artigianali a base di cemento idraulico. Questa tradizione – rivisitata in chiave contemporanea – viene realizzata serialmente in formato 20×20 e 80×80 cm. Un mix and patch innovativo, volutamente casuale, che abbina disegni astratti e colori non saturi, neutri, appena consumati; colori che si fssano al materiale di supporto in modo naturalmente irregolare, colando sui bordi come avveniva nel passato. Un patchwork unico e sorprendente, che regala libertà compositiva e unicità di disegno, mantenendo intatte le caratteristiche del “fatto a mano” con le prestazioni di un materiale ad alta tecnologia.

I designer saranno protagonisti con le nuove collezioni nello spazio Mutina al Salone Internazionale del Mobile. Fiera di Milano, Rho 17/22.04 2012 (Pag. 22. Stand D20). Mercoledì 18 aprile sullo stand Mutina dalle 11 alle 12, sarà possibile incontrare personalmente Ronan & Erwan Bouroullec, Rodolfo Dordoni, Raw Edges, Patricia Urquiola, Tokujin  oshioka.