Da martedì prossimo la piastrella italiana in mostra ad Orlando per il Coverings 2012

Torna la prossima settimana, da martedì 17 a venerdì 20 aprile, il tradizionale appuyntamento con il Coverings: la fiera americana relativa ai materiali di pavimentazione e rivestimento che, da anni, vede la piastrella made in Sassuolo tra gli assoluti protagonisti.

Nello splendido ed attrezzato scenario dell’Orange County Convention Center di Orlando, in Florida, di ritorno da Las Vegas ed in attesa di trasferirsi ad Atlanta il prossimo anno, circa 800 espositori provenienti da 50 paesi diversi saranno in mostra con gli ultimi prodotto e le ultime novità destinate ad un immenso mercato qual è quello americano.

Secondo diversi media statunitensi ed europei, l’economia americana si sta dirigendo verso un pieno recupero e tutto sta andando molto bene.

La realtà è invece ben diversa, scrive il portale d’informazione “the economic collapseblog.com”: “Gli Stati Uniti si stanno viepiù affermando come nazione sempre più povera e sempre meno competitiva nel mercato globale. Al contempo, nel paese aumenta la disoccupazione, aumentano i livelli di debito dei consumatori e delle società, aumenta il debito a livello di comuni e Stati.

Tutto questo malgrado il governo di Washington immetta nel circuito bancario ed economico quantità folli di moneta.

Ecco alcuni esempi che mostrano come, negli Stati Uniti, la situazione sia grave e come sia lecito pensare che la prossima grande crisi economica è proprio dietro l’angolo :

Yahoo sta licenziando migliaia di collaboratori.

A causa delle ingenti perdite riportate, la catena commerciale Best Buy ha appena annunciato l’intenzione di chiudere 50 negozi e di tagliare spese per 800 milioni di dollari.

Il 29 marzo il sindaco di Los Angeles Antonio Villaraigosa ha annunciato il licenziamento di un gran numero di dipendenti comunali.

In cerca di soldi, la città di Baltimora ha messo in vendita parte dei suoi monumenti storici, mentre Costa Mesa, in California, vende gli elicotteri della polizia.

I prezzi delle case negli Stati Uniti sono scesi del 34.4% rispetto ai livelli più bassi, nel 2006. Malgrado ciò, il numero di case vuote resta impressionante.

Il reddito medio delle famiglie è in calo del 7,8% rispetto al dicembre 2007.

Nel 2008, negli Stati Uniti vi erano circa 2.6 milioni di “disoccupati di lunga durata”. Ora questo numero è salito a 5,6 milioni.

I paesi del BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) hanno dichiarato pubblicamente che è tempo di abbandonare il dollaro come valuta di riserva principale a livello mondiale.

14 milioni di americani mangiano grazie ai buoni pasto.

Il debito nazionale degli Stati Uniti aumenta di circa 150 milioni di dollari ogni 60 minuti.

La Federal Reserve ha acquistato circa il 61% dell’intero debito pubblico emesso dal Tesoro degli Stati Uniti nel 2011. Si tratta di un vero e proprio schema Ponzi, destinato a crollare in tempi più brevi di quanto si creda.”

Va un po’ meglio, però, nel settore dell’edilizia residenziale i cui valori nel 2012 però, nonostante i miglioramenti di gennaio (+18%) e febbraio (+34%), sono ancora molto lontani dai livelli del 2007 (-50%).

Insomma: una situazione piuttosto difficile, con più ombre che luci, quella che aspetta la piastrella sassolese in trasferta in florida dalla prossima settimana. Le nostre aziende, consapevoli del fatto che quella americano è un mercato assolutamente strategico per chi, come Sassuolo, esporta oltre il 70% del proprio prodotto e si deve trovare a fare i conti con un mercato interno assolutamente fermo, ci saranno in massa, pronte ad approfittare della minima luce in fondo al tunnel.

Per vedere l’elenco delle aziende presenti al Coverings 2012 clicca qui