La ricetta anti crisi del Presidente Giorgio Squinzi

Temi nevralgici per l’economia, quelli toccati dal nuovo presidente di Confindustria Giorgio Squinzi venerdì 25 maggio a Brescia nella riunione degli industriali: ha parlato della necessità di dare liquidità alle imprese con i soldi della Cassa Depositi e Prestiti, e della necessità di un Irap più leggero sopratutto per le imprese che fanno ricerca. La Fiat? In questo momento non è una priorità

LIQUIDITA’ ALLE IMPRESE – La liquidità della Cassa Depositi e Prestiti venga messa a disposizione delle imprese per lo sviluppo del Paese. Lo ha affermato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a Brescia, nell’assise di Confindustria, nel giorno del via libera del Cdm alla separazione proprietaria di Snam da Eni. «Mi auguro che la Cdp metta veramente tutto il suo impegno nell’aiutare le imprese e lo sviluppo del Paese – ha detto Squinzi -. Le imprese hanno bisogno che le capacità di liquidità della Cdp».

IRAP – «L’Irap non deve continuare a taglieggiare le imprese, soprattutto quelle che fanno ricerca. Chi fa ricerca deve poter usufruire di regimi fiscali al pari di quelli di Francia, Germania, Stati Uniti e altri Paesi occidentali».

FIAT «Ci sono talmente tante cose da fare che in questo momento non la vedo come una priorità immediata: chiaramente è una cosa molto importante, ci proveremo».