Un’unica Provincia dell’Emilia: Reggio dice si

Il Consiglio provinciale di Reggio Emilia, riunitosi anche ieri, 30 luglio, causa inagibilità post-sisma nella sala conferenze del Comune capoluogo, ha approvato (15 sì, 8 astenuti e 2 contrari) un ordine del giorno della giunta sul riordino delle province che, tra l’altro, definisce “l’ambito Emilia” riferito alle province di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza in grado di dare nuovo impulso alla regione Emilia-Romagna, a tutti i suoi territori ed all’intero Paese, aggregando economie, servizi, infrastrutture, popolazioni con numeri e valore tali da costituire un’area importante e competitiva, tra le prime in Europa come indicano le stesse valutazioni della Ue”.

Di conseguenza, il Consiglio “chiede alla Regione Emilia-Romagna di assumere l’orientamento favorevole alla costituzione della nuova Provincia ‘Emilia’, complementare alle altre che si determineranno nell’ambito regionale e di favorire il progetto con gli opportuni incentivi ed il sostegno programmatico e politico” ed impegna presidente e giunta a promuovere nelle diverse forme e sedi il progetto “Emilia” come nuovo approdo del territorio di Reggio Emilia, il quale comunque dovrà mantenere il proprio nome ed organismi di rappresentanza da far confluire in modo paritario nei nuovi organi di governo dell’area vasta”.