Green Economy di Distretto: il programma di Giovedì 25 in sintesi

Il Festival Green Economy di Distretto organizzato dai comuni del comprensorio modenese e reggiano della ceramica insieme a Confindustria Ceramica, nella seconda giornata di giovedì 25 ottobre resta ancora legato all’edilizia, ma inizia ad esplorare altri versanti della green economy.

Mentre a Castellarano il Laboratorio Archimede accoglie le scuole, in Confindustria Ceramica a Sassuolo, alle 9.30 si apre il workshop ‘Edilizia Sostenibile pubblica e privata e uso dei rivestimenti ceramici’.

Segue, sempre in Confindustria Ceramica, alle ore 11.30, il convegno ‘Green Innovation dei prodotti e dei processi produttivi’, sul profilo Green dei prodotti ceramici, dell’impiantistica per il settore ceramico e sulle nuove sfide per distinguere la ceramica.

Nel primo pomeriggio il festival si sdoppia: a Casalgrande, alle ore 14.15, nella sala espositiva della Biblioteca, si affronta la ‘Pianificazione territoriale e nuovi modelli di insediamenti produttivi’, mentre a Fiorano Modenese il Teatro Astoria ospita la tavola rotonda: ‘Cosa c’è di Green Economy nei Distretti Italiani?’ per confrontare pratiche e approcci.

Alle ore 17, nella Sala del Consiglio di Castelvetro i progetti di green economy delle piccole imprese del distretto si confrontano ne ‘Il ruolo del Commercio e delle Piccole e Medie Imprese per la Green Economy’, cui segue la tavola rotonda: “Opportunità e condizioni per valorizzare e promuovere il ruolo delle PMI e del commercio per un’economia green e innovativa”.

Alle ore 17,45, al Castello di Spezzano, evento curato dalla Società Ceramica Italiana, si svolge la tavola rotonda: ‘40 anni di Ceramica’, racconti e aneddoti di imprenditori e tecnici protagonisti della storia dell’industria ceramica italiana e, alle ore 19, al PalaGreen in piazza Ciro Menotti a Fiorano, nell’aperitivo green design aperto a tutti, i designer presentano i loro progetti.