42 milioni di euro per ristrutturare casa

Siglato il protocollo di intesa tra tutte le associazioni delle costruzioni modenesi (Ance, Apmi, Cna, Confcooperative, Fam, Lapam e Legacoop) per facilitare la ristrutturazione degli edifici civili. Alla firma presenti anche sei istituti di credito (Banca Interprovinciale, Bper, Bp San Felice 1893, Bpv, Cr Cento e Unicredit), il Consiglio notarile e la Provincia di Modena.

L’intesa, immediatamente operativa e in vigore sino al 31 dicembre 2013, ha l’obiettivo di consentire alle famiglie di tutta la provincia la possibilità di ristrutturare e riqualificare la propria residenza a condizioni particolarmente interessanti, permettendo loro di godere anche dei benefici fiscali (credito di imposta 50 per cento e 55) ancora in vigore.

Le banche mettono a disposizione dei privati un plafond di 42 milioni di euro complessivi con condizioni agevolate di prestito o mutuo, della durata massima rispettivamente di 5 o 10 anni.

Le imprese, da parte loro, si sono impegnate a praticare prezzi e condizioni competitivi, attivandosi per ridurre al minimo anche i costi di progettazione e coordinamento, mentre i notai a loro volta conterranno il più possibile gli oneri per le operazioni di mutuo.

La Provincia, promotrice di questo accordo per venire incontro alle esigenze delle famiglie e per contribuire a rimettere in moto un pezzo importante dell’economia del territorio, promuoverà sugli organi di informazione questa opportunità, in modo che tutti i cittadini ne siano a conoscenza e ne possano approfittare.