Calo senza fine per le case. Prezzi in discesa del 3,2%

casesfittePrezzi delle case in caduta libera. La crisi non molla la presa sul settore immobiliare e – complice l’introduzione dell’Imu – nel terzo trimestre, secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice dei prezzi delle abitazioni acquistate dalle famiglie sia per fini abitativi sia per investimento registra una diminuzione dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e del 3,2% rispetto allo stesso periodo del 2011. Di più: il calo tendenziale nel terzo trimestre è il terzo consecutivo registrato nel 2012, dopo il -0,2% del primo trimestre e il -2,1% del secondo.

In particolare, nel terzo trimestre i prezzi delle abitazioni nuove diminuiscono dello 0,2% sul trimestre precedente e aumentano dell’1,9% rispetto allo stesso periodo del 2011. I prezzi delle abitazioni esistenti diminuiscono dell’1,6% su base congiunturale e del 5,4% su base annua. La crescita su base annua dei prezzi delle abitazioni nuove rallenta rispetto a quanto registrato nel secondo trimestre (+2,8%).

Si accentua, invece, la diminuzione dei prezzi delle abitazioni esistenti, considerato il calo tendenziale del 4,1% registrato nel secondo trimestre. In media, nei primi tre trimestri dell’anno in corso, i prezzi delle abitazioni diminuiscono dell’1,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sintesi di un aumento del 2,7% dei prezzi delle abitazioni nuove e di una diminuzione del 3,7% dei prezzi di quelle esistenti. Nei primi tre trimestri del 2012 si registra, in media, una flessione dell’indice complessivo dell’1,8% rispetto allo stesso periodo

del 2011, con variazioni dei prezzi delle abitazioni nuove ed esistenti rispettivamente pari a +2,7% e -3,7%.

Fonte Repubblica