Terremoto: da Confindustria e sindacati oltre 7mln per Emilia Romagna

terremotoSuperano i 7 milioni di euro i fondi raccolti da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil a favore di popolazione, lavoratori e sistema produttivo di Emilia Romagna e Provincia di Mantova colpiti dal terremoto dello scorso anno.

La raccolta dei contributi volontari da parte delle imprese e dei lavoratori sul “Fondo intervento a favore delle popolazioni, dei lavoratori e dei sistemi produttivi della regione Emilia-Romagna e della provincia di Mantova”, attivato il 30 maggio scorso dall’iniziativa congiunta del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, e dei segretari generali Cgil, Cisl, Uil Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, si avvia a conclusione.

I lavoratori, spiega una nota, hanno versato nel Fondo l’equivalente di un’ora di lavoro e le aziende un contributo pari alla somma dei versamenti dei propri dipendenti: al 31 gennaio sono stati raccolti 7.239.030 euro. I rappresentanti sul territorio delle parti sociali, conclude la nota, “hanno gia’ individuato una pluralita’ di interventi che saranno localizzati d’intesa con la Regione, gli Enti locali e il Commissario per la ricostruzione.

Questi interventi, che verranno illustrati nelle prossime settimane, saranno finalizzati a dare concrete risposte alle esigenze sociali espresse dal mondo della produzione e del lavoro. Le parti sociali hanno previsto meccanismi e strumenti a garanzia e controllo della massima trasparenza nella destinazione e nella gestione di tutti i fondi raccolti”