Italia, inflazione rivista al ribasso, frena a marzo

inflazioneSecondo i dati definitivi di Istat, nel mese di marzo l’indice Nic dei prezzi al consumo è salito dello 0,2% su mese, rivisto dalla stima di +0,3%, e dell’1,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, rivisto dall’1,7%.

A febbraio l’indice era +0,1% rispetto a gennaio e +1,9% su base annua.

L’inflazione acquisita per il 2013 è pari all’1,0%.

L’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, scende all’1,4% da +1,5% di febbraio. Al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita tendenziale dell’indice resta stabile a +1,5%.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza aumentano su base mensile dello 0,1%, mentre il tasso di crescita tendenziale si attesta al 2,0%, in rallentamento dal +2,4% di febbraio.

L’indice armonizzato Ipca aumenta del 2,3% su mese e dell’1,8% su anno (era + 2,0% a febbraio).