A luglio 6, 8 milioni di dipendenti attendono rinnovo contratto

giovanilavoroA luglio complessivamente i contratti in attesa di rinnovo sono 52 (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 6,8 milioni di dipendenti (di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego). Lo rileva l’Istat. Alla fine del mese i contratti in vigore regolano il trattamento economico di circa 6,1 milioni di dipendenti che rappresentano il 45,8% del monte retributivo complessivo. Nel settore privato l’incidenza e’ pari al 62,7%, con quote differenziate per attivita’ economica: la copertura e’ totale nel settore agricolo, mentre e’ del 66,7% nell’industria e del 57,2% nei servizi privati. Alla fine del mese di luglio, aggiunge l’Istat, tra i contratti monitorati dall’indagine ne risultano in vigore 22, come sintesi del recepimento di due accordi (lavanderie industriali e vetro, quest’ultimo rinnovato prima del termine della vigenza contrattuale) e della scadenza di due (ceramica e assicurazioni).

L’indagine sulle retribuzioni contrattuali, spiega l’Istituto di statistica, permette di calcolare la quota dei contratti collettivi nazionali di lavoro che resterebbero in vigore nel semestre successivo nell’ipotesi di assenza di rinnovi. Per il totale dell’economia l’incidenza dei contratti collettivi in vigore rimarrebbe invariata rispetto a quella rilevata a luglio 2013 per agosto e settembre, scenderebbe lievemente nei mesi successivi attestandosi a fine dicembre al 44,4%, e subirebbe una forte contrazione a gennaio 2014 arrivando al 27,6%. Per il solo settore privato la quota, pari al 62,7% di luglio, si ridurrebbe alla fine del semestre al 37,8%