Grande attesa per la notte delle stelle cadenti

stelle_cadentiCome ogni anno, la notte di San Lorenzo, precisamente il 10 agosto, viene ricordata come la notte delle stelle cadenti.

In quella notte, le spiagge si riempiono di persone e si illuminano con tanti falò. Numerosi sono gli amici, gli innamorati e le famiglie che, durante la serata del 10 agosto, si ritrovano sulle coste per ammirare le famosissime stelle cadenti e per esprimere il fatidico desiderio alla vista del puntino luminoso che cade nel mare.

Perche le stelle di San Lorenzo?

Era il 10 agosto del 253 d.C., quando Lorenzo, Diacono di Roma, su ordine dell’imperatore Valeriano ordinò il martirio del santo. Le sue lacrime, come riportate dalla credenza popolare, arrivano copiose sotto forma di stelle ogni anno, proprio in coincidenza con quella data. A celebrare ulteriormente l’avvenimento ci pensa Giovanni Pascoli con la famosa poesia “10 Agosto”.

Ma perché cadono le stelle?

Questa pioggia di “lacrime” che, puntualmente, ogni anno si rinnova con immenso stupore, non è altro che una pioggia di meteore che non trova sempre il suo picco massimo il 10 Agosto. Dunque, il fenomeno astronomico si presenta come una serie di corpuscoli solidi di varia grandezza che, alla fine del loro vagare nello spazio, impattano con l’atmosfera terrestre, rilasciando una notevole quantità di energia termica accompagnata da una scia luminosa. Astronomicamente parlando, la pioggia di meteore prende il nome di “sciame delle Perseidi”. E’ nei pressi della costellazione di Perseo che stanziano i presunti resti di un corpo celeste.

Quindi ,come ogni anno ,non resta che attendere questo meraviglioso e stupendo fenomeno che ancora una volta, c’è da scommetterci, illumina con scie luminose, anche se molto rare, il cielo terrestre.

In conclusione non resta che sperare che la notte del 10 agosto sia unita ad un cielo limpidissimo, in modo tale che tutte persone col naso all’insù possano esprimere il proprio desiderio.