Effetto Iva al 22%: tutti gli aumenti

ivaScarpe, vino, birra, tv, radio e computer ma anche benzina, mobili, giocattoli, detersivi e parrucchieri. Da oggi con l’aumento dell’Iva dal 21 al 22% scattera’ una raffica di rincari e, anche se i beni di prima necessita’, come pane, carne, pesce e latte, non sono soggetti all’aumento, ne potrebbero subire gli effetti a causa dei maggiori costi di trasporto. Secondo le associazioni dei consumatori le ricadute per le famiglie andranno dai 207 ai 349 euro l’anno. Per non parlare dell’impatto sui consumi, gia’ depressi. Secondo Confcommercio l’incremento dell’Iva andra’ a incidere negativamente sulle spese natalizie e, in una situazione in cui l’inflazione e’ sotto controllo, determinera’ un aumento dei prezzi tra ottobre e novembre dello 0,4%. Il Codacons, che stima una stangata per le famiglie fino a 349 euro l’anno e un calo dei consumi del 3% su base annua. Secondo Adusbef e Federconsumatori, la stangata andra’ dai 207 a 260 euro l’anno (62 euro solo per l’ultimo trimestre ottobre – dicembre. Alcuni grandi gruppi, come ha fatto in comunicato Ikea, hanno pero’ gia’ annunciato che assorbiranno l’aumento dell’imposta senza effetti sui prezzi. L’aliquota che passa dal 21 al 22% e’ quella ordinaria che si applica ai beni e i servizi che non rientrano nell’aliquota ridotta al 10% o in quella super ridotta al 4% riservata a pane fresco, burro, latte, frutta e ortaggi e altri alimenti di prima necessita’. E quello che scatta oggi sara’ il secondo rialzo di un punto nel giro di due anni: l’aliquota era gia’ salita dal 20 al 21% dal 17 settembre 2011. Diventeranno piu’ cari vino, birra, succhi di frutta e alimenti pregiati come i tartufi. Anche il prezzo della benzina salira’ per effetto dell’aumento dell’imposta.

L’Iva aumentera’ anche per le automobili, gli accessori auto, i pezzi di ricambio. E costera’ di piu’ anche la manutenzione e la riparazione dell’auto. Costeranno di piu’ abbigliamento, calzature, pelletteria, biancheria per la casa, frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie e piccoli elettrodomestici, detersivi, televisori, radio, hi-fi, computer e prodotti di cancelleria.

La stretta riguardera’ anche estetista, barbiere e parrucchiere, lavanderia e tintoria, gioielli e bigiotteria.

Secondo la Cgia di Mestre fra le voci che subiranno i rincari maggiori ci sono i trasporti, carburanti in primis, con un aggravio medio di 39 euro. Altri 20 euro aggiuntivi graveranno sulla spesa per l’abbigliamento e le calzature e altri 17 euro per l’acquisto della mobilia e degli elettrodomestici. Per l’associazione l’aumento colpira’ di piu’ le famiglie numerose e piu’ povere. Per i single l’aggravio potra’ arrivare fino a 99 euro e per un lavoratore dipendente con moglie e figli a carico fino a 120 euro. Si allarghera’ anche il divario con gli altri principali paesi europei: 2,4 punti in piu’ rispetto alla Francia e addirittura 3 punti percentuali in piu’ rispetto alla Germania. Carburanti: subito effetto Iva ma Eni ne attenua impatto L’effetto dell’aumento dell’Iva, dalla mezzanotte, si scarica subito sulla rete carburanti con aumenti pressoche’ generalizzati dell’ordine di 1,5 centesimi di euro al litro sulla benzina, 1,4 sul diesel e 0,7 sul Gpl; tuttavia, c’e’ da segnalare la decisione di Eni di attenuare l’impatto tenendo immediatamente conto del significativo ribasso registrato ieri dai mercati internazionali. E’ quanto segnala in una nota ‘Quotidiano Energia’. Il market leader infatti – scrive la testata – alza il prezzo della benzina solo di 0,9 centesimi e quello del diesel di 0,6 centesimi (Gpl + 0,7).