Bper: nei primi nove mesi utile netto complessivo consolidato 23,2mln

bperApprovato il Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2013. Solidita’ patrimoniale del Gruppo in significativa crescita con il Core Tier 1 ratio all’8,43% calcolato sulla base della metodologia standard di Basilea 2 in aumento sia rispetto a giugno 2013 (8,22%) che a fine 2012 (8,27%) Utile netto complessivo del terzo trimestre pari a 43,1 milioni in sensibile miglioramento rispetto ai trimestri precedenti favorito anche dalla riduzione del costo del credito in corso di graduale normalizzazione Utile netto complessivo consolidato di 23,2 milioni nei primi nove mesi

Redditivita’ operativa in crescita del 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2012

Requisiti di liquidita’ gia’ in linea con i minimi richiesti dalla normativa Basilea 3 e leva finanziaria contenuta tra le piu’ basse del sistema (14,4x a fronte di 14,2x di fine 2012) Margine di intermediazione di 1.605,6 milioni in lieve diminuzione rispetto ai primi nove mesi del 2012 (-0,45%) ed in calo del 12,9% rispetto al trimestre precedente che presentava un importante contributo del risultato della finanza. In particolare: o margine di interesse in contrazione dell’1,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-3,4% al netto di CR Bra), ma in leggera crescita rispetto al secondo trimestre (+0,3%) principalmente grazie al contenimento del costo della raccolta o commissioni nette in calo del 2,1% rispetto ai primi nove mesi del 2012, ma in crescita a parita’ di perimetro e considerando le variazioni normative intervenute nel periodo (+7,8%); l’andamento rispetto al secondo trimestre 2013 (-1,6%) e’ influenzato dalla consueta stagionalita’ o risultato netto delle attivita’ di negoziazione in leggero aumento rispetto allo stesso periodo del 2012 (+1,4% anno su anno) ? Costi operativi in calo del 3,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; tale diminuzione si attesta allo 0,5% se calcolata su base omogenea. Cost-income ratio al 54,75% ? Rettifiche su crediti pari a 591,4 milioni nei nove mesi (+40,8% anno su anno) ed a 151,6 milioni nel terzo trimestre, in forte calo rispetto al secondo (-45,5%) ed inferiore a quanto registrato nei tre trimestri precedenti in presenza di coperture sui crediti deteriorati sostanzialmente stabili rispetto a giugno 2013.

Il costo del credito nel terzo trimestre risulta pari a 32 bps, livello piu’ contenuto degli ultimi tre trimestri Prevedibile evoluzione della gestione Nell’ultima parte dell’anno pare avviarsi a ritmo lento e graduale una ripresa dell’attivita’ economica, pur in un contesto congiunturale che permane difficile e condizionato da rilevanti fattori di incertezza politica ed economica. La debolezza della domanda interna continuera’ a limitare le possibilita’ di ripresa del credito e potrebbe determinare pressioni sui ricavi del sistema bancario. La qualita’ del credito continuera’, seppur in misura minore rispetto allo scorso anno, a condizionare le prospettive di redditivita’ del settore, mentre dovrebbe proseguire il processo di controllo dei costi.

Il Gruppo BPER, per l’ultima parte dell’anno, si pone come obiettivi prioritari il mantenimento di un’adeguata solidita’ patrimoniale, il consolidamento della redditivita’ bancaria tradizionale e il contenimento dei costi operativi. Il costo del credito, pur mostrando i primi segnali di normalizzazione, rimarra’ elevato, ma in ogni caso su livelli inferiori a quelli registrati nel 2012