Confindustria, da crisi danni come da una guerra

crisiintesa“In questo momento non si può dire che la recessione è finita e che c’è la ripresa. Vediamo cosa succede nei prossimi mesi”. Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi: “Io vedo molto ottimismo” ma l’arresto della caduta del Pil in un trimestre non si può interpretare come “un segnale di decisa ripartenza o di fine della recessione”. “Io vedo molto ottimismo, ma attenzione – dice Squinzi parlando a margine del convegno del Csc – perché noi abbiamo perso 9,1 punti di Pil dal 2007 ad oggi. Il fatto che per un trimestre la discesa si è arrestata significa che abbiamo toccato il fondo, però non lo potrei interpretare, con tutta la buona volontà, come un segnale di decisa ripartenza o di fine della recessione”. La ripresa, prosegue, “dobbiamo conquistarla come Paese, facendo le riforme e le cose giuste che Confindustria sta chiedendo da tempo”, altrimenti “credo che agganceremo la ripresa internazionale ma in maniera estremamente modesta”.

 

“Sicuramente è una proposta che va nella direzione giusta”: così il presidente di Confindustria risponde alla domanda sull’abolizione dell’art.18 per i neoassunti proposta dal segretario Pd Renzi. Anche se, aggiunge, “non è sufficiente perché per assumere bisogna prima creare le condizioni per avere più lavoro”. “Solo così”, creando cioè le condizioni per “avere più lavoro”, afferma Squinzi, a margine del convegno del Centro studi di Confindustria, “si possono fare assunzioni, altrimenti rimane un provvedimento sulla carta”.

 

Confindustria,recessione finita ma danni di una guerra – “La profonda recessione, la seconda in 6 anni, è finita. I suoi effetti no”, avverte il centro studi di Confindustria. Parlare di ripresa e’ “per molti versi improprio”; suona “derisorio”. Il “Paese ha subito un grave arretramento ed è diventato più fragile, anche sul fronte sociale”. Danni “commisurabili solo con quelli di una guerra”.

 

L’impatto sulla crescita della Legge di Stabilità all’esame del Parlamento sarà “molto piccolo”, dello “0,1 o 0,2” punti sul Pil del 2014. Lo indica il direttore del centro Studi di Confindustria, Luca Paolazzi. Poi, nel 2015 la manovra avrà “un effetto restrittivo della stessa entità di quello espansivo del 2014”.

 

Dall’inizio della crisi (fine 2007) si sono persi 1 milione e 810 mila Ula (Unità di lavoro equivalenti a tempo pieno). L’occupazione è rimasta ferma nella seconda metà del 2013 e ripartirà dal 2014. Si arresta così “l’emorragia occupazionale”: per l’anno prossimo il Centro studi di Confindustria prevede un +0,1%, per il 2015 un +0,5%.

 

Il 2013 si chiuderà peggio delle attese stima il Csc che ha rivisto dal -1,6% al -1,8% le stime per il Pil. Resta invariata al +0,7% la previsione di crescita per il 2014. Mentre gli economisti di via dell’Astronomia nella prima stima sul 2015 prevedono una crescita dell’1,2%.

“Le persone a cui manca il lavoro, totalmente o parzialmente, sono 7,3 milioni, due volte la cifra di sei anni fa. Anche i poveri sono raddoppiati a 4,8 milioni”. E’ il bilancio di sei anni di crisi. “Le famiglie hanno tagliato sette settimane di consumi, ossia 5.037 euro in media l’anno”.

 

Il centro studi di Confindustria prevede ”traiettorie economiche ad alta incertezza”, e affianca così alle previsioni sugli scenari economici anche “una simulazione che ingloba una evoluzione meno benigna”, nella quale “la debolezza dell’economia impone una manovra da un punto di Pil per rispettare gli impegni europei”. In questo scenario B, “il credit crunch si protrae nel 2015, l’aumento del commercio mondiale è più contenuto, lo spread non si restringe”; ed “il risultato è che l’Italia si blocca nuovamente”.

 

Confindustria rivede in leggero rialzo il tasso di disoccupazione del 2013, dal 12,1% stimato a settembre al 12,2% indicato nelle previsioni diffuse oggi. Il tasso di disoccupazione comunque resta stabile oltre il 12% anche nel 2014 (12,3%) e nel 2015 (12,2%).

 

“Una occasione mancata”. Così il rapporto di Confindustria bolla la Legge di Stabilità all’esame del Parlamento. Secondo le quantificazioni del governo, evidenzia il rapporto, “comporterebbe un peggioramento dell’indebitamento netto nel 2014 per circa 2,6 miliardi, un miglioramento nel 2015 di 3,5 miliardi e nel 2016 di 7,3” “Complessivamente si tratta di intervento modesto sul 2014 che ritocca marginalmente il deficit: in termini di Pil si tratta di qualche decimale (0,2%). E “per il 2015 e 2016 la correzione del disavanzo coincide sostanzialmente con le dimensioni delle clausole di salvaguardia”. “L’Intervento principale proposto è quello sul cuneo fiscale – rilevano ancora gli economisti di via dell’Astronomia – ma le risorse stanziate non sono in grado di incidere significativamente”.

 

Fonte: Ansa