Fitch promuove le banche francesi e bacchetta quelle italiane

fitchFitch promuove le banche francesi, ma non è contenta dei quelle italiane.

In due report distinti, usciti, oggi l’agenzia di rating mette in luce che le banche francesi sono sulla buona strada per superare gli stress test dell’EBA e per adeguarsi ai nuovi requisiti di capitale di Basilea III. ”Negli ultimi anni le grandi banche francesi – scrive Fitch – hanno ripulito i bilanci e rafforzato i propri finanziamenti, liquidità e capitale.

Questo è un driver fondamentale per il nostro outlook che rimane stabile”, spiega Fitch che non ha parole così lusinghiere per le banche italiane per cui i crediti deteriorati del settore bancario italiano è probabile che si mostrino in recupero nel 2014, quando si arriverà a una stabilizzazione delle sofferenze sui prestiti anche se per il processo di miglioramento della qualità degli attivi bancari ci vorrà molto più tempo a causa di una ripresa economica che rimarrà lenta e debole”, scrive l’agenzia di rating Fitch che spiega come questo sia “uno dei motivi per cui il nostro Outlook sulle banche italiane è Negativo per il terzo anno consecutivo.

Le banche sono particolarmente vulnerabili a causa dell’economia domestica debole e della recessione che ha preso piede sia sui volumi che sulla qualità del credito e dei prestiti”, anche se “ci aspettiamo che il PIL cresca ancora nel 2014 con un recupero che probabilmente sarà lento e più debole rispetto alla media della zona euro”.

 

Fonte: IL Messaggero