Banca d’Italia, a novembre in calo del 6% a novembre i prestiti

Banca-dItaliaGli ultimi dati della Banca d’Italia evidenziano che a novembre 2013 la variazione sui 12 mesi dei prestiti al settore privato e’ stata del -4,3 per cento. In particolare i prestiti alle imprese (esattamente alle societa’ non finanziarie NdR) sono diminuiti del 6%, di gran lunga la peggiore flessione in tutta la serie che parte dall’ottobre 2012. In calo anche i prestiti alle famiglie che a novembre mostrano una variazione sui 12 mesi dell’1,5 per cento.

Cresce invece la raccolta con depositi del settore privato in aumento del 6,1% mentre le obbligazioni emesse flettono del 7,3% (per valore nominale; quelle detenute dalle banche per valore di mercato – mostrano un calo del 5,6%).La dinamica dei tassi d’interesse applicati ai prestiti alle famiglie mostra per il credito al consumo un TAEG in calo al 9,20% e per i prestiti per acquisto abitazioni un TAEG in flessione al 3,86 per cento. I tassi d’interesse sui prestiti alle societa’ non finanziarie mostrano sui conti correnti un calo del tasso al 5,17%, del 4,38% fino a 1 milione di euro e del 2,76% oltre 1 milione di euro (l’ammontare si riferisce all’importo unitario di operazioni diverse dai conti correnti).

Sui depositi i tassi sono allo 0,99% (ci cui conti correnti allo 0,42%); sempre sul fronte della raccolta i tassi, sulle obbligazioni sono diminuiti a novembre al 3,13%).