Inps, due milioni di domande disoccupazione

DisoccupazioneL’Inps rivela che nei primi undici mesi del 2013 (tra gennaio e novembre) sono state presentate 1.949.570 domande di disoccupazione, con un aumento del 32,5% rispetto ai primi 11 mesi dell’anno precedente, quando le domande erano state 1.471.681.

 

La normativa per la disoccupazione e la mobilità

Da gennaio 2013 è cambiata la normativa per la disoccupazione e la mobilità con l’entrata in vigore delle nuove prestazioni per la disoccupazione involontaria, ASpI e mini ASpI. La nuova Assicurazione sociale per l’impiego (ASpI) ha sostituito l’indennità di mobilità, l’indennità di disoccupazione non agricola ordinaria, l’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti e l’indennità di disoccupazione speciale nell’edilizia. L’obiettivo è quello di fornire un’indennità mensile di disoccupazione a tutti i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti e i soci lavoratori di cooperativa con un rapporto di lavoro subordinato.

 

Domande ASpI e mini ASpI

Le domande prese in esame che si riferiscono ai licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 – specifica l’Inps – continuano a essere classificate come disoccupazione ordinaria, mentre per quelli avvenuti dopo il 31 dicembre 2012 le domande sono classificate come ASpI e mini ASpI. A novembre 2013 sono state presentate 130.795 domande di ASpI, 45.844 domande di mini ASpI e 556 domande di disoccupazione tra ordinaria e speciale edile. Nello stesso mese sono state inoltrate 9.027 domande di mobilità, mentre quelle di disoccupazione ordinaria ai lavoratori sospesi sono state 82.