Presentato il corso di logistica al Don Magnani di Sassuolo: una grande opportunità occupazionale per i giovani

DonMagnaniSi è svolto ieri l’open house del Don Magnani per presentare il nuovo corso di Logistica, primo esempio in Emilia Romagna di un corso organico nelle scuole medie secondarie dedicato a questa attività. Alle ore 18.00 la Preside Alessandra Borghi ed i docenti del corso hanno realizzato una visita guidata ai laboratori della scuola: per l’occasione erano presenti anche il capitano del Sassuolo Calcio Francesco Magnanelli e il compagno di squadra Lino Marzorati. Successivamente, presso l’Aula Magna dell’istituto, la Preside Borghi, il Presidente di Confindustria Ceramica Vittorio Borelli e Franco Stefani Presidente di System hanno conversato sul ruolo e l’importanza delle logistica dell’industria ceramica italiana.

“Il distretto della ceramica – ha dichiarato il Presidente di Confindustria Ceramica Vittorio Borelli – è un importante polo logistico oltre che produttivo, perchè ogni anno sono circa 23 i milioni di tonnellate di merci ceramiche che transitano per Sassuolo. Di queste, sono 8,5 i milioni di tonnellate di materie prime in entrata, altrettante quelle in uscita e 5,5 milioni di tonnellate annue di movimentazione ‘a corto raggio’, che si sostanzia nella movimentazione di semilavorati e prodotti finiti tra i diversi stabilimenti e tra questi ed i fornitori di servizi e materie prime, oltre che di quelli provenienti da regioni limitrofe. Per avere una dimensione del fenomeno, possiamo dire che il trasporto di queste merci è nell’ordine dei 4.580 TIR al giorno, calcolati considerando un peso medio trasportato di 20 tonnellate e 250 giorni operativi. Per quanto riguarda i costi della logistica per le nostre aziende – prosegue Borelli – essi incidono per il 14,9% sul fatturato delle imprese. Se poi si vuole allargare l’orizzonte dal perimetro produttivo all’intera catena di valore del prodotto ceramico si è quantificato che i costi totali della logistica salgono al 24% del fatturato”.

dmagnanischierati

Secondo il Presidente di System Franco Stefani “Sassuolo oggi è più importante come piattaforma logistica che come polo produttivo. E’ necessario informatizzare sempre di più il processo di trasferimento dei materiali, sincronizzando al meglio le commesse. Se nel 1960 i tempi di trasferimento, dal materiale in ingresso al prodotto finito, si aggiravano intorno ai 6 mesi, oggi siamo nell’ordine dei 60 giorni. A fronte di ciò è fondamentale avere figure preparate di esperti in logistica, che siano pronti a elaborare e sfruttare al meglio le nuove tecnologie. Di straordinaria importanza – ha concluso Stefani – è la rete delle infrastrutture del comprensorio, con particolare riguardo verso la Bretella Campogalliano-Sassuolo, arteria indispensabile per il collegamento con i principali mercati di sbocco del’industria ceramica italiana”.

La Preside Alessandra Borghi ha ricordato, infine, come il percorso di studi preveda un primo biennio comune a tutti gli istituti tecnici, seguito da un percorso formativo nel quale sono previsti stage aziendali e interventi di esperti delle aziende del comprensorio nelle materie di logistica, informatica, meccanica, inglese, geografia economica , diritto, economia e mezzi di trasporto. Per la natura strategica, e sempre più importante della funzione, è previsto un elevato tasso di occupabilità dei diplomati, oltre che la possibilità di accedere – con solide basi – alla Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Confindustria Ceramica e System appoggiano l’istituendo corso in logistica attraverso un supporto alla didattica che arriva fino alla realizzazione di stage aziendali, utili per il successivo inserimento nel mondo del lavoro. Un corso di formazione che presenta discipline e materie fortemente collegate alla specifica realtà ceramica e che, per questa ragione, rappresenta la più avanzata forma di preparazione professionale rivolta ai giovani delle scuole medie superiori tecniche, preludio ad un ingresso nel mondo del lavoro.