Redditi 2013: F24 più pesante con il taglio alle detrazioni Irpef

DOCUMENTAZIONELa denuncia dei redditi 2013 potrebbe riservare una spiacevole sorpresa per i contribuenti: un piccolo ma altresì pesante taglio delle detrazioni Irpef.

Di ufficiale non c’è ancora nulla, ma a guardare le tempistiche appare chiaro che alla sforbiciata non v’è scampo. La legge di Stabilità prevede che entro il 31 gennaio venga approvata l’eventuale revisione della norma che istituisce il ritocco all’ingiù.

Entro la stessa data, però, dovranno essere pubblicati i modelli delle dichiarazioni dei redditi con relative istruzioni. La conclusione appare dunque scontata, visto che il governo ha meno di 15 giorni per salvare in extremis i contribuenti. Cosa succederà alla dichiarazione dei redditi? Le somme recuperate grazie alle detrazioni saranno inferiori. Per esempio, le detrazioni per gli interessi sul mutuo per la prima casa, per le polizze vita e infortuni e per le spese sanitarie caleranno dal 19% al 18%. Insomma, tutto ciò che è detraibile lo sarà un po’ meno.

In più c’è una doppia beffa: la norma avrà un effetto retroattivo, visto che si applicherà sulla denuncia dei redditi 2013, e nel 2014 il taglio scenderà al 17%. Quanto perderanno i contribuenti? Poco più di 30 euro l’anno quando la detrazione sarà a regime, ovvero al 17%. Chi ci guadagnerà sarà invece lo Stato che potrà contare su maggiori entrate per 480 milioni di euro nel 2014 e 770 milioni nel 2015.

 

Fonte: Il Messaggero