Governo, per Confindustria “giusta direzione”

squinziIl presidente di Confindustria Giorgio Squinzi approva le prime indicazioni programmatiche del nuovo governo guidato da Matteo Renzi ma marca le distanze tra l’associazione degli imprenditori e il nuovo ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, che è stata alla guida dei giovani industriali dal 2008 al 2011.

“Sono anni che non parlo con Federica Guidi”, ha detto Squinzi a margine di un convegno organizzato a Milano da American Chambers of Commerce in Italy rispondendo a chi gli chiedeva se fosse soddisfatto per la nomina di un imprenditore a ministro dello Sviluppo.

 

“Lei stessa ha detto che è lontana da Confindustria da anni e ha detto la verità”, ha dichiarato.

 

Sulla polemica riguardo un possibile conflitto di interesse per Guidi, Squinzi ha affermato: “è un problema del ministro, non di Confindustria”.

 

Il numero uno degli imprenditori ha poi espresso apprezzamento per le priorità del nuovo governo eneunciate oggi da Renzi nel discorso per la fiducia al Senato, in particolare per quello che riguarda lo sblocco totale dei debiti della PA, la riduzione a doppia cifra del cuneo fiscale e la prospettiva di durata dell’esecutivo fino al 2018.

 

“Abbiamo sempre chiesto la stabilità politica e se l’avremo i primi a essere contenti saremo noi”, ha detto Squinzi aggiungendo: “sono abituato a giudicare sui fatti e sui risultati ma se le direzioni sono queste che vengono anticipate, ben vengano”.