Pmi Modena, ricavi in calo per il 5° anno

modenaRicavi in calo per il quinto anno consecutivo per le piccole e medie imprese modenesi. Il 2013 ha fatto segnare un altro segno negativo per le imprese dei settori del commercio, del turismo e dei servizi di intermediazione. Lo dicono i dati dell’Osservatorio di Confesercenti Modena che ha rilevato, una diminuzione delle vendite in tutti i settori esaminati che ammonta complessivamente ad un -3,6%. In cinque anni il comparto ha visto crollare mediamente del 20% il volume delle vendite. Si consegna in questo modo un’eredità pesantissima al 2014, che già sul territorio modenese si è aperto con 385 imprese commerciali e del turismo in meno rispetto all’anno appena conclusosi.

 

Andamento dei volumi d’affari per settori

 

Servizi di intermediazione e commercio all’ingrosso. È l’ambito coi risultati più pesanti: servizi di intermediazione -4,9% e ingrosso -4,2% nel 2013 rispetto all’anno precedente, a testimonianza di come tutta l’economia sia in pesante recessione. Diminuiscono infatti in maniera molto più marcata i ricavi delle imprese dell’ingrosso e dell’intermediazione che hanno come mercato di riferimento le imprese manifatturiere e dell’edilizia, a testimonianza del fatto che questi settori scontano un calo marcato degli investimenti

 

Commercio al minuto extra alimentare. Continua la sofferenza nel dettaglio extralimentare: -3,4% nel 2013. Resta quello maggiormente colpito dalla contrazione dei consumi in particolare abbigliamento e calzature. Prosegue inoltre la flessione delle vendite tra i beni per la casa. soprattutto mobili, elettrodomestici e casalinghi.

 

Ristorazione e pubblici esercizi. Altrettanto pesanti sono poi i dati relativi a pubblici esercizi e ristorazione: -3,2% rispetto al 2012. Il calo è dovuto in particolare alla sempre più diffusa rinuncia a colazioni e pranzi fuori casa nell’intervallo del lavoro. Per quanto riguarda le cene al ristorante, queste si concentrano soprattutto nei fine settimana con una contrazione nei giorni infrasettimanali.

 

Commercio al minuto di generi alimentari. il calo dei ricavi è dell’1,1% sul 2012. Dato che seppur negativo, risulta più contenuto rispetto agli altri settori. Riteniamo ciò ascrivibile al fatto che le famiglie non possano più contrarre oltre l’acquisto di beni di prima necessità come gli alimentari. Non sono penalizzati invece, in generale, i negozi fortemente specializzati che vivono su una clientela di nicchia che mantiene ancora una buona capacità di spesa.

 

Andamento dei consumi per aree geografiche. Piuttosto difforme l’andamento dei ricavi per aree geografiche. Risultano fortemente penalizzate l’area del Frignano: -5,7%, seguita da Carpi e dei comuni delle Terre d’Argine con – 4,2%. Entrambe si collocano quindi sotto la media provinciale. Segnano invece dati migliori rispetto alla media Modena città ed i suoi comuni limitrofi con un -2,4%, l’area di Vignola e Terre dei Castelli, -2,2% e l’area del Distretto Ceramico le cui imprese segnano un -03%,

 

Area nord. Vanno letti a parte i dati riguardanti l’andamento delle vendite nell’Area nord perché fortemente differenziato tra le imprese, in quanto legato ai tempi di riapertura dopo il sisma nonché alla loro ubicazione (delocalizzazioni e strutture temporanee). Con questa premessa nell’Area nord la media dei ricavi flette per un pesantissimo -12,6% sul 2012, anno comunque fortemente segnato dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio. Questi numeri ci dimostrano come l’uscita dall’emergenza per l’economia dell’area sia ancora lontana. Sono dunque necessari strumenti di sostegno straordinari ad iniziare da una proroga della tassazione per almeno ulteriori 3 anni.