Svizzera, addio al segreto bancario

bancaAnche la Svizzera ha siglato l’accordo fra l’Ocse e tutti gli Stati membri per lo scambio in materia di informazioni fiscali che pone fine al segreto bancario. L’intesa è stata raggiunta a Parigi, si legge in una nota dell’organizzazione, e tra i firmatari figurano anche altri Paesi non membri, fra cui Singapore, Cina, Brasile e Costa Rica.

E’ di fatto la fine di un’era e in questo modo si stringe sempre di più il cerchio intorno agli evasori che avevano fatto della Federazione elvetica il loro paradiso fiscale all’interno della vecchia Europa.

 

Una mossa in qualche modo attesa e su cui la Svizzera stava lavorando da tempo, portando avanti trattative sia con i singoli Paesi, a cominciare dall’Italia, che a livello internazionale, ma non per questo meno epocale. Non a caso l’associazione bancaria svizzera ha tenuto a precisare che la decisione non arriva come una sorpresa ma è anzi stata attentamente valutata dagli istituti elvetici per un anno. Per questo il criterio essenziale per aderire è quello della reciprocità e della ricerca di “soluzioni adeguate” per gli asset fino ad oggi non soggetti a tassazione.

 

L’intesa, siglata a Parigi in occasione dell’ interministeriale Ocse, riguarda tutti i 34 Paesi aderenti all’organizzazione, ma anche Stati non membri, fra cui Singapore, Cina, Brasile e Costa Rica. Altri, come Panama e Dubai ad esempio, potrebbero seguire nei prossimi mesi, almeno per evitare di finire nella lista nera che l’Ocse si appresta a stilare entro la fine dell’anno e che comporterà anche sanzioni da parte del G20.

 

Ocse: evasori minano fiducia dei cittadini – “L’impegno da parte di così tanti Paesi per adottare i nuovi standard globali, e farlo velocemente, è un altro passo avanti per assicurarsi che le frodi fiscali non avranno più un luogo dove nascondersi”, ha spiegato il segretario dell’Organizzazione, Angel Gurria, usando toni espliciti contro gli evasori: “La frode fiscale e l’evasione – ha insistito – non sono crimini senza vittime: privano i governi di entrate necessarie per far ripartire la crescita e minano la fiducia dei cittadini nell’equità e integrità del sistema fiscale”.

 

L’accordo non fissa alcun termine entro il quale adeguarsi concretamente agli standard internazionali di scambio automatico, ma la data ultima indicata negli accordi precedenti per riportare nel paese di origine i dati degli investitori è stata finora quella del settembre 2017. La richiesta di informazioni potrà comunque iniziare a partire da dicembre del 2015.

 

La scelta della Svizzera rappresenta per l’Italia un enorme passo avanti nella lotta all’evasione fiscale che aveva visto gli ultimi governi impegnati nel tentativo di far rientrare nei confini nazionali i capitali detenuti all’estero. Il decreto in materia varato dal governo Letta a inizio gennaio è stato poi stralciato alla Camera, in attesa di una ridefinizione in un ddl di iniziativa parlamentare che potrebbe ora registrare un’accelerazione proprio grazie alle novità in arrivo da Berna.