Trecento studenti a “Ceramica tra le righe”

confindustriaceramicaSi è svolto lunedì 12 maggio alla Casiglia di Sassuolo la terza edizione di “Ceramica tra le righe”, appuntamento annuale di confronto e dialogo tra le imprese ceramiche e le scuole del distretto. Oltre 300 studenti provenienti da 12 scuole di Modena e provincia si sono incontrati con i rappresentanti dell’industria ceramica e hanno presentato i progetti di “formazione extracurricolare” svolti durante l’anno scolastico.

“Si tratta di progetti assai diversi – ha osservato Vittorio Borelli, Presidente di Confindustria Ceramica – che affrontano e sviluppano in modo originale vari aspetti dell’industria ceramica, dalla logistica al design, dalla chimica all’ambiente”.

I progetti di formazione vengono sviluppati dalle scuole in collaborazione con Confindustria Ceramica, che investe ingenti risorse in queste iniziative dedicate alla responsabilità sociale d’impresa.

“Il dialogo tra le scuole e l’impresa – ha aggiunto Daniele Bandiera di Federchimica-Ceramicolor, l’associazione dei colorifici ceramici – si estende lungo tutta la filiera ceramica, dal momento che il successo di ogni impresa è collegato sempre alla qualità delle risorse umane”.

Nella prima parte della mattinata, sono state presentate e premiate le idee d’impresa originali sviluppate dagli studenti. È stato selezionato il progetto dell’Istituto Selmi di Modena “Green Power Tiles”, che consiste in una piastrella in grado di trasformare l’energia cinetica che si produce con il calpestio in energia elettrica.

“Tutti i ragazzi che hanno partecipato al concorso nazionale “Latuaideadimpresa” – ha concluso Anna Zannoni, Presidente della Commissione Formazione di Confindustria Ceramica – hanno dimostrato doti di creatività e maturità assai preziose, che l’industria ceramica deve riuscire a intercettare”.