Draghi: La ripresa c’è ma resta debole

draghi”La ripresa e’ in corso da nove mesi ma e’ ancora debole, distribuita non uniformemente nell’area euro. Ed e’ fragile”. Cosi’ il presidente della Bce, Mario Draghi, al quotidiano olandese De Telegraaf. ”L’attivita’ economica sta gradualmente, anche se piano, accelerando”, il livello di disoccupazione ”e’ ancora molto alto”.

 

“Inflazione bassa ma non vediamo deflazione”

L’inflazione nell’area euro e’ bassa ma ”non vediamo deflazione nel senso di un calo dei prezzi su tutto lo spettro nell’area euro”, spiega il presidente della Bce sottolineando che quello ”che vediamo e’ una bassa inflazione che persiste per un lungo periodo”. I piu’ alti prezzi del petrolio avranno un impatto sull’inflazione, almeno se ”non sperimenteremo un ulteriore apprezzamento dell’euro” afferma Draghi rispondendo a una domanda sull’aumento dei prezzi del petrolio in seguito alle tensioni in Iraq. In un contesto di bassa inflazione ”la riduzione dei livelli di debito, che e’ molto importante in larga parte dell’area euro, diventa piu’ difficile”.

 

“Acquisti bond possibili in mandato Bce”

Secondo Draghi “un eventuale piano di acquisto di bond e’ possibile nel mandato della Bce, se gli acquisti puntano ad assicurare la stabilita’ dei prezzi. Draghi sottolinea che la Bce potrebbe eventualmente procedere all’acquisto di bond se ci fosse un deterioramento delle aspettative di inflazione di medio termine. Gli acquisti potrebbero includere non solo bond dei governi ma anche prestiti del settore privato.