Cresce il disagio sociale ai massimi livelli dal 2007

crisiconsumiDisagio sociale ai massimi livelli, in Italia, a novembre. Il Misery Index, calcolato da Confcommercio, si e’ attestato, a novembre scorso, su un valore stimato di 22 punti, in aumento di 0,3 punti rispetto al mese di ottobre toccando il valore piu’ alto da quando viene calcolato (gennaio 2007). A pesare e’, in particolare, l’incremento della disoccupazione estesa (0,2 punti) e il modesto aumento dell’inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto.

GLI ITALIANI HANNO PAURA – Notizie che confermano la situazione di paura e scarse prospettive per il futuro, come aveva detto a inizio settimana il presidente Renzi nel suo discorso al parlamento europeo: “Il punto e’ che c’e’ il terrore del futuro, il futuro e’ visto come una minaccia, per cui assistiamo il paradosso che le famiglie aumentano i risparmi perché hanno paura”. Un dibattito “reso piu’ complicato perché la difficile transizione italiana ha visto succedersi governi politici di una parte, poi governi tecnici, poi governi di coalizione.

LE PAROLE DI RENZI – Ma quando Curzio Maltese segnala che l’Italia ha il terzo debito pubblico al mondo, nessuno – osserva il premier – segnala che ha il piu’ alto risparmio privato, 4 triliardi di euro. Quando l’M5S dice che le famiglie italiane si stanno impoverendo, cozza con la realta’: le famiglie italiane hanno visto crescere il loro risparmio da 3,5 triliardi nel 2012 a 3,9 miliardi di euro. E’ difficile, ma la realta’ si impone”.