Prime boccate d’ossigeno per l’economia dell’Emilia-Romagna

emiliaromagnaBoccate d’ossigeno nell’apnea della crisi. Dagli indicatori economici dell’Emilia-Romagna per l’anno in corso arrivano i segnali della ripresa. A dirlo sono i dati dell’Osservatorio dei Territori, elaborato dalla struttura Territorial and Sectorial Intelligence di UniCredit, che analizza il quadro congiunturale della regione e la dinamica dei principali indicatori, anche in chiave prospettica.

Lo studio evidenzia che il Pil della regione è tornato in territorio positivo già l’anno scorso (+0,2% dell’Emilia-Romagna vs -0,4% dell’Italia) ed è previsto in ulteriore progressione nei prossimi mesi. Per il 2015, infatti è atteso un tasso di variazione tendenziale del +1,2%, superiore a quello nazionale, che dovrebbe fermarsi a +0,5%.

«Questo è uno dei dati che testimoniano come l’economia di questa regione, che certo ha accusato i colpi della crisi, si mantenga su trend positivi e registri segnali incoraggianti per una netta ripartenza nella seconda metà dell’anno», commenta Luca Lorenzi, Deputy Regional Manager Centro Nord Unicredit. «In questo scenario è quindi fondamentale spingere sugli investimenti, puntando su export e innovazione: chiavi di volta per consolidare il percorso della ripresa».

Tra i dati salienti dell’Osservatorio dei Territori emerge anche un miglioramento generalizzato delle dinamiche settoriali di valore aggiunto. In Emilia-Romagna, servizi (con un valore aggiunto del 67,9% sul valore aggiunto complessivo generato in regione nel 2013) e industria (con una quota del 24,2%) sono i settori che danno in tal senso il contributo maggiore alla crescita.

Secondo l’analisi dell’Osservatorio, tuttavia, non si arresta la contrazione di imprese attive in regione (che a fine 2014 sono 413mila), anzi si amplia il divario sfavorevole con l’andamento nazionale. Nel quarto trimestre del 2014 il dato è ancora negativo, con una variazione tendenziale di -1,3%.

Già ripresa nel 2014, intanto, la domanda interna dell’Emilia-Romagna che in previsione tende a rafforzarsi nel corso del 2015 (dallo 0,1% all’1,1%), registrando ancora una volta risultati migliori rispetto al resto del Paese, per il quale si attende una crescita (+0,7% da -0,3%).

Sul fronte dell’export, aumentano le esportazioni da tutti i principali settori, con l’eccezione della metallurgia, che resta stabile. In particolare, si registra un +5,8% nella vendita oltre confine di materie plastiche; un +5,6% per tessuti e abbigliamento e un +4,9% per l’esportazione di macchinari ed apparecchi. Tra i principali mercati di destinazione sono soprattutto gli Stati Uniti (+13,9%), la Polonia (+11,3%) e l’Arabia Saudita (+10,8%) a mostrare gli incrementi maggiori.

In termini di occupazione l’Emilia-Romagna si difende e si distingue in positivo rispetto al panorama nazionale: dopo la stabilizzazione del numero di occupati lo scorso anno (il dato Italia segna invece -0,3%), la previsione per il 2015 è positiva: +0,7% per la regione a fronte di una stima del +0,1% per il Paese. I settori nei quali si registra il maggior aumento di occupati a tempo pieno sono per l’Emilia-Romagna soprattutto i servizi (che pesano per il 68,2% del totale di occupati a tempo pieno in regione nel 2013); l’industria (con una quota 20,9%) e l’agricoltura (4,5%). Ancora in calo l’edilizia (che in Emilia-Romagna conta il 6,3% del totale).

Altra notizia che parla di avvio della ripresa riguarda l’incremento del reddito disponibile delle famiglie, che passa dallo 0,5% del 2013 all’1,7% del 2014 e per il 2015 sembra proiettarsi verso il 2%. Intanto i consumi accelerano: se il dato per il 2013 era -1,7%, nel 2014 è salito allo 0,4% e per il 2015 la previsione è del +1,3%.