Cecrisa guarda al futuro e investe nella tecnologia Sacmi

sacmi2Vinci Partners, società brasiliana di investimento che detiene il controllo azionario di Cecrisa – tra i protagonisti del Paese nella produzione di ceramica da rivestimento per l’alta gamma – prosegue il suo progetto di modernizzazione del parco macchine, con l’obiettivo di conseguire importanti vantaggi sia sotto il profilo della produttività, sia dal punto di vista dell’efficienza energetica degli stabilimenti.

Cuore di questa prima fase del progetto è senza dubbio il nuovo reparto di preparazione impasto atomizzato, dotato di due mulini modulari continui modello MMC180 e di due atomizzatori modello ATM180. Una fornitura che, coerentemente con la logica produttiva dell’azienda, garantirà un incremento di output pari a 80 tonnellate l’ora di impasto per la produzione di porcellanato smaltato e di monoporosa. Questa nuova centrale di preparazione impasti, situata a Portinari, servirà infatti ben due stabilimenti, quello di Portinari e quello di Eldorado. Cecrisa ambisce in questo modo a cogliere tutte le opportunità di sviluppo tecnologico ed efficienza energetica per la lavorazione delle materie prime, con risparmi fino al 50% nell’energia elettrica e dal 10 al 15% nel consumo di gas. In più, l’elevata automazione di processo consentirà una riduzione del fabbisogno di manodopera pari a ben il 67%, senza contare la garanzia sulla ripetibilità del processo, con importanti conseguenze sull’incremento della qualità del prodotto finito. Un progetto che getta le basi fondamentali, dunque, per un ambizioso programma di consolidamento nel Paese ed espansione all’estero del posizionamento dell’azienda sul mercato dell’alta gamma.

Va nella stessa direzione anche l’installazione della nuova linea completa ad alta produttività sia per grès porcellanato smaltato sia per monoporosa, che fa perno sulle presse Sacmi modello PH5000L, abbinate all’essiccatoio orizzontale a cinque piani mod. ECP307/28,2m e all’insieme termico preforno JMC315/14,7m più forno FMC 325/161,7m. Macchine, queste ultime, dotate di sistema di recupero di aria calda e di altre innovazioni tecniche che consentono, oltre ad un’altissima precisione nelle curve di cottura, flessibilità produttiva e ottimizzazione dei consumi energetici.

Alta produttività ed efficienza sono il filo conduttore anche delle soluzioni per l’handling di prodotto ed il fine linea: parte integrante della fornitura è infatti l’installazione di linee di movimentazione e stoccaggio dei semilavorati prima e dopo la cottura, oltre che di linee di scelta e imballo progettate da NuovaSima, azienda del Gruppo Sacmi specializzata nella progettazione di soluzioni per la gestione della movimentazione di grandi produzioni e del controllo qualità nel fine linea.