Metal powder, la migliore tecnologia Sacmi per la slovacca Gevorkyan

sacmiFrutto di due generazioni di esperienza e know how nel settore della metallurgia delle polveri e attualmente azienda leader nella Repubblica Slovacca con clienti in oltre 30 Paesi del mondo, Gevorkyan rinnova la propria fiducia a Sacmi acquistando un’ulteriore pressa – la terza della serie in appena due anni – per la lavorazione di polveri metalliche sinterizzate.

La nuova pressa MPH 200, che va ad aggiungersi alla prima dello stesso modello e alla MPH 66 già installate, consente la formatura di particolari a geometria complessa, garantendo precisioni dimensionali fino a ±0.025 mm e collocandosi nella fascia più alta del mercato in termini di prestazioni con la sua dotazione di 10 assi controllati in anello chiuso.

All’elevata precisione della macchina si affiancano affidabilità e produttività, insieme ad una configurazione compatta, che consente di effettuare tutte le operazioni di controllo qualità ad alta velocità e direttamente in linea. La formatura di particolari multilivello con precisioni micrometriche richiede infatti una perfetta sincronizzazione dei movimenti delle varie parti dello stampo, non solo nella fase finale di pressatura, ma anche durante le fasi di trasferimento delle polveri, al fine di ottenere la forma desiderata ed una corretta distribuzione di densità.

La nuova pressa fornita è inoltre equipaggiata di un sistema di controllo di ultima generazione ed è dotata di innovative soluzioni strutturali, di brevetto Sacmi, come il banco flottante.

La fornitura suggella un rapporto di reciproca stima e fiducia tra Sacmi e l’azienda slovacca, che si è consolidato in brevissimo tempo, a partire dalla scelta di Gevorkyan non solo di dotarsi della migliore tecnologia europea per il settore, ma anche di proporre al mercato prodotti mai realizzati prima nell’ambito del metal powder. Una politica che ha consentito all’azienda di proporsi come fornitore sui cinque continenti alle primarie aziende dell’automotive (da Bentley a Mercedes, da BMW ad Audi), delle macchine utensili (Black&Decker, Dewalt) e dell’agroindustria (John Deere, Komatsu, ecc).

Attualmente in fase di montaggio e collaudo nello stabilimento di Vlkanová, la nuova MPH 200 andrà quindi ad affiancare le ulteriori due presse già operative da febbraio 2014 presso l’azienda slovacca, dove l’80% delle produzioni prende la strada dell’export e il 10% degli addetti è stabilmente dedicato ad attività di Ricerca & Sviluppo.