Affidabilità e automazione di processo, Rovese rinnova fiducia in Sacmi-Gaiotto

Tra i più importanti player globali nel settore della ceramica sanitaria, il Gruppo Rovese sceglie l’affidabilità delle soluzioni per l’automazione industriale firmate Sacmi-Gaiotto. Il sistema – un’innovativa soluzione automatica per l’applicazione di fibra di vetro come rinforzo a pezzi termoformati – è stato installato ed avviato con successo negli stabilimenti Cersanit in Russia, il brand del Gruppo Rovese che, fra le altre, dispone di un’unità produttiva dislocata nella regione di Mosca.

La soluzione si compone di un trasportatore a bancale, formato da 35 passi, incaricato della movimentazione dei pezzi. Questi transitano poi all’interno di 4 cabine, due delle quali deputate alla spruzzatura e due alla rullatura della vetroresina. Dotato di protezioni mobili, l’impianto si completa, a valle, con un essiccatoio per la polimerizzazione dei pezzi.

Progettato e avviato nel 2015, il nuovo impianto Cersanit consolida una pluriennale collaborazione tra Sacmi e il Gruppo Rovese, impostata già nel 2003 con l’installazione, nell’unità produttiva dislocata in Polonia, del primo impianto per la spruzzatura manuale della vetroresina su vasche da bagno e piatti doccia. L’upgrade tecnologico richiesto ha preso a riferimento, in fase progettuale, l’impianto gemello realizzato nel 2003, mantenendone inalterate le caratteristiche di solidità ed affidabilità nel tempo, caratteri distintivi, insieme all’automazione di processo, delle soluzioni Sacmi-Gaiotto.